Global Tools

Ettore Sottsass Jr., Alessandro Mendini, Andrea Branzi, Riccardo Dalisi, Remo Buti, Ugo La Pietra, Franco Raggi, Davide Mosconi, Archizoom, 9999, Superstudio, UFO Italia
1973 > 1975

"Global Tools era un programma educativo sperimentale decentralizzato e sperimentale che si proponeva come alternativa al modello istituzionale dell'università. [...] Le tre note per una tipologia didattica pubblicate su Casabella n. 379 dettagliano la ricerca che, secondo Superstudio, richiederebbe "la vita come educazione globale permanente" con particolare riferimento alla Deschooling Society di Ivan Illich, un testo in cui il pedagogista e filosofo austriaco afferma che la formazione dei giovani non avviene mai nel contesto scolastico ma altrove, in tempi e luoghi al di fuori del controllo della scuola. Sulla stessa linea, Andrea Branzi scrive: "Dalla scuola come dal carcere non si otterrà mai nulla di buono: tutti coloro che credono che un giorno possa esistere una scuola che insegni a fare una rivoluzione non capiscono questa verità. Lo stesso si può dire della città che formalizza funzionalmente la società nel momento della sua trasformazione sociale, presentandosi subito come un'eredità culturale e figurativa autonoma e non trasformabile: la storia ci ha insegnato che la città non può mai essere uno strumento rivoluzionario se non attraverso il suo stesso fallimento (barricate). […]

Global Tools è stata immaginata come una scuola di arti e mestieri e un tentativo antidisciplinare di stabilire una piattaforma per il libero scambio di idee ed esperienze diverse: un luogo adatto a stimolare la creatività individuale e lo sviluppo delle potenzialità umane. Il tutto nella prospettiva più generale della formazione continua, vista come "l'unico obiettivo possibile oltre la fine della formazione istituzionalizzata". Questa iniziativa, che intendeva aprire un periodo di sperimentazione con classi e studenti, avrebbe dovuto implementare nel suo funzionamento un'ampia gamma di processi innovativi, sia dal punto di vista degli strumenti educativi sia da quello dei contenuti. Gli strumenti educativi avrebbero dovuto coincidere con l'esperienza diretta delle tecniche e della costruzione, con la registrazione dei processi di lavoro originali e con la frequentazione diretta dei luoghi dove tali esperienze potevano avvenire. "Una scuola di formazione, non di informazione". L'idea fondamentale di Global Tools sarebbe quindi quella di dare vita a una sperimentazione capace di costituire un laboratorio avanzato per l'industria (in cui confluirebbero contributi professionali innovativi, oltre che l'apporto della cultura), e un esempio di nuovo tipo di formazione senza studenti e senza insegnanti".

/Estratti da "Global Tools 1973-1975: Verso un'ecologia del design" di Silvia Franceschini e Valerio Borgonuovo, SALT, 2014/

Sigma Group

Sigma Group

Taliesin West School of Architecture

Taliesin West School of Architecture